ZOMBIELAND (2009) di Ruben Fleischer | Mini Recensioni di Beetlejuice

ZOMBIELAND

“Bisognava trovare un’arma ed imparare ad usarla. Il che porta alla seconda regola: Doppia Certezza. In quei momenti, quando non sai se i non-morti sono morti-morti, non siate tirchi con le munizioni. Mi spiego: un colpo secco in testa e questa donna avrebbe potuto far a meno di diventare un Happy Meal umano”

Zombieland sta a Adventureland come Orgoglio e Pregiudizio e Zombi sta a Orgoglio e Pregiudizio. Se avete problemi a capire le proporzioni, ve la spiego diversamente: cosa mancava ad Adventureland per essere un film memorabile? Un po’ di azione? Un sacco di zombi? Quella testa calda di Woody Harrelson? E allora eccovi servito Zombieland! I due film sono dello stesso anno e condividono lo stesso attore protagonista (Jesse Eisenberg) che interpreta sostanzialmente lo stesso personaggio: uno studente di college timido (si legge sfigato) e inesperto (si legge vergine) che per motivi diversi finisce in un parco di divertimenti. La pellicola come avrete capito è una commedia in salsa zombi, ma è molto meno sciocca di quanto si potrebbe pensare. Così come  Simon Pegg  qualche anno prima era riuscito a rileggere con stile l’archetipo dell’invasione zombi nella commedia Shaun of the dead (non so se ce la faccio a scrivere il titolo in italiano… ci provo… L’alba dei morti dementi…  dio che fatica), anche Zombieland è un piccolo gioiello di contaminazione del genere. Uno dei paradigmi più frequenti nei film di zombi è quello del road movie: il protagonista è nel punto A,  ma da qualche tempo gli ronza in testa l’idea che il punto B sia meglio. E non stiamo parlando di cucina/salotto o bagno/camera da letto, A e B solitamente distano un numero di miglia tale per cui è quasi impossibile che il protagonista arrivi a destinazione con tutte le parti del corpo ancora attaccate al posto giusto. Se durante il tragitto da A a B il protagonista incontra un personaggio diretto verso C, la sua destinazione B cambia in destinazione C tanto più velocemente quanto più il personaggio è attraente. Zombieland è di questa scuola, ma con qualche variazione intelligente e interessante.  Se poi, nel corso del viaggio, incontra personaggi come  Bill Murray, Amber Heard e soprattutto Emma Stone, nei panni di Wichita, allora non so voi, ma io spero che l’apocalisse arrivi presto anche da queste parti.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

zombieland - poster
Titolo italiano: Benvenuti a Zombieland
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email

Categorie

GENERI